logo comune

IMU

Ufficio di riferimento: Ufficio Tributi icona per la stampa della pagina

Descrizione Procedimento

PRESUPPOSTO: è il possesso (qualificato come da Codice Civile) di immobili, intendendosi per immobili:

•        i FABBRICATI

•        le AREE FABBRICABILI

•        i TERRENI AGRICOLI

Per FABBRICATO si intende il fabbricato iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano, e il relativo assolvimento dell’IMU avviene per effetto della relativa rendita catastale.

Costituisce parte integrante del fabbricato, cioè ne costituisce la pertinenza, l’area occupata dalla costruzione stessa. La pertinenzialità dell’area va valutata esclusivamente ai fini urbanistici. La pertinenza deve essere accatastata unitariamente all’edificio.

Il fabbricato diviene oggetto passivo IMU dalla data di ultimazione dei lavori e, se antecedente, dalla data di utilizzo del fabbricato stesso.

Tra i Fabbricati non costituisce presupposto impositivo il possesso dell’ “Abitazione principale” o assimilata (fatta eccezione per le abitazioni accatastate in categoria catastale A/1, A/8, A/9) e relative pertinenze di categoria C/2, C/6 e C/7 (nella misura massima di una per categoria), che risultano escluse dall’assoggettamento dall’imposta.

E’ da intendersi “Abitazione Principale” l’immobile iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano, come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e i componenti del suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Qualora i componenti del nucleo familiare risiedano o dimorino in immobili differenti le agevolazioni previste in materia di “Abitazione Principale” si applicano per un solo immobile, quello che verrà scelto da parte dei contribuenti mediante apposito modello di Dichiarazione IMU.

Vengono considerate altresì “Altre Abitazioni Principali”, fra le altre specificatamente previste dalla norma:

•        gli “alloggi sociali” come definiti dal Decreto del Ministro delle infrastrutture del 22.04.2008, adibiti ad abitazione principale;

•        la casa familiare assegnata al genitore affidatario dei figli, a seguito di provvedimento del giudice, a titolo di diritto di abitazione in capo al genitore medesimo;

•        le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari;

•        l’unità immobiliare posseduta da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata, su decisione del singolo Comune, tramite apposito Regolamento.

BASE IMPONIBILE:

FABBRICATI:

Categoria catastale

Moltiplicatore IMU                                                                                                                                                           

Gruppo catastale A (escluso A/10) e categoria catastale C/2, C/6 e C/7

160                                                                                                                                             

Gruppo catastale B

140

Gruppo catastale C/3, C/4, C/5

140

Categorie catastali A/10 e D/5

80

Gruppo catastale D (escluso D/5)

65 dal 2013

Categoria catastale C/1

55

Per AREA FABBRICABILE va intesa l’area utilizzabile a scopo edificatorio in base agli strumenti urbanistici generali o attuativi, in funzione delle possibilità effettive di edificazione determinate secondo i criteri previsti agli effetti dell’indennità di espropriazione per pubblica utilità. L’Area Fabbricabile va assolta ai fini IMU in funzione del “valore venale in comune commercio” al 1’ gennaio dell’anno di imposizione, o a far data dall’adozione degli strumenti urbanistici.

Si ricorda che l’Amministrazione con propria deliberazione di G.C. 83/2012, il cui contenuto è stato confermato a mezzo della successiva deliberazione di G.C. 92/2020, richiamata in ambito alla deliberazione C.C. 26/2022 relativamente all’annualità 2022 in corso,  ha stabilito dei valori delle aree edificabili a mc/mq o mq/mq, per zona di PGT,  quale indirizzo al Responsabile dell’area tributi – valori ai quali lo stesso Responsabile deve attenersi in fase di controllo circa il corretto assolvimento dell’imposta -  in assenza di atti recenti dai quali risulti il valore in comune commercio effettivamente attribuito al terreno edificabile oggetto di calcolo e successiva verifica. Si ricorda inoltre che, rispetto a quanto indicato nelle tabelle allegate alla deliberazione di GC. 83/2012, per le zone estensive è variata, per effetto di Variante al PGT - decorrente da Ottobre 2014 – la capacità edificatoria da 50 mq. “una tantum” a 1mc/mq.

Per TERRENO AGRICOLO si intende il terreno iscritto in catasto, a qualsiasi uso destinato, compreso quello non coltivato.

Soggetti passivi:

Sono soggetti passivi IMU, e sono quindi tenuti ad assolvere l’imposta, i “Possessori” di immobili, cioè i proprietari e i titolari di diritto reale (usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi e diritto di superficie) sui predetti immobili, nonché i titolari (locatari) di Locazione Finanziaria (leasing).

Decorrenza:

L’IMU va assolta per anni solari - a ciascuno dei quali corrisponde un’autonoma obbligazione tributaria -  proporzionalmente alla quote di possesso e ai mesi dell’anno nei quali si è protratto il possesso. Il mese durante il quale il possesso si è protratto per più della metà dei giorni di cui il mese stesso è composto è computato per intero. Il giorno del trasferimento del possesso si computa in capo all’acquirente.

Agevolazioni e riduzioni:

•        Fabbricati di interesse storico o artistico: riduzione del 50%;

•        Fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati: riduzione del 50%;

•        Unità immobiliari concesse in comodato a parenti in linea retta entro il 1’ grado che le utilizzano come abitazione principale, in funzione di apposite e precise prescrizioni di legge (il comodante deve possedere un unico immobile in Italia e deve risiedere anagraficamente, nonché dimorare abitualmente, nello stesso Comune in cui è situato l’immobile concesso in comodato; il contratto deve essere registrato presso l’Agenzia delle Entrate; il beneficio si applica anche nel caso in cui il comodante, oltre all’immobile concesso in comodato, possieda nello stesso Comune un altro immobile adibito a propria abitazione principale, ad eccezione delle unità abitative classificate nelle categorie catastali A/1, A/8, A/9): riduzione del 50%. La presente riduzione potrà essere accumulata all’aliquota agevolata già prevista dall’Amministrazione comunale per i “comodati gratuiti”, qualora si verificassero entrambe le condizioni.

•        Abitazioni locate a canone concordato: riduzione del 25%. La presente riduzione potrà essere accumulata all’aliquota agevolata già prevista dall’Amministrazione comunale per gli immobili locati a canone concordato, qualora si verificassero entrambe le condizioni.

Requisiti

Possesso di beni immobili siti nel territorio del comune, a qualsiasi uso destinati e di qualunque natura, con esclusione dell’abitazione principale e pertinenze ad eccezione di quelle identificate nelle categorie catastali A/1-A/8-A/9 e relative pertinenze. Quindi risultano oggetto passivo di imposta:
- abitazioni principali di tipo signorile (cat. A1), ville (cat. A8), palazzi storici e castelli (cat. A9) e relative pertinenze
- altri fabbricati (oltre all'abitazione principale)
- aree fabbricabili
- terreni agricoli

Documentazione Necessaria

Per tutti i fabbricati iscritti o iscrivibili (ai sensi di Legge) in catasto, la rendita risultante dalle visure catastali.

Costo

Consultare l’allegato regolamento e aliquote.

Normativa

Legge 147/2013

Tempistica

Versamento in acconto entro il 16 giugno (se festivo il giorno successivo) e versamento a saldo entro il 16 dicembre  (se festivo il giorno successivo)

Documentazione

Informativa IMU anno 2022
Regolamento IMU
Delibera C.C. n. 26 del 24.05.2022 aliquote IMU anno 2022
Valore aree edificabili: Delibera Giunta Comunale n. 92/2020
Concessione abitazione in uso gratuito a parenti (all. A)
Comunicazione ai fini IMU relativamente a immobile locato a canone concordato ai sensi dell’art. 2 co. 3 L. 431/1998 (all.B)
Dichiarazione/variazione IMU – modello Ministeriale
Richiesta compensazione/rimborso
Informativa al trattamento dati personali
Richiesta rateizzazione
Consenso al trattamento dati personali

Link

Privacy - Note legali - Credits